Vecchio 02-01-2013, 10:37 AM  
Mo
Junior Member
 
Data Registrazione: Feb 2013
Messaggi: 7
Predefinito Aborto spontaneo: i sintomi di allarme

Aborto, una parola che deriva dal participio del verbo latino “ab-orior” : la parola aborto è una parola che parla di una vita mai nata, di un’esistenza mai sorta, di un essere umano mai venuto alla luce. Quando si parla di aborto spontaneo ci si riferisce all’interruzione della gravidanza avvenuta in maniera indipendente dalla volontà del soggetto in gestazione entro i 180 giorni dalla data d’inizio dell’ultima mestruazione. In un aborto spontaneo una donna, una donna che come tante si avvia a diventare madre, vede spezzarsi la vita che porta in grembo spesso venendo travolta da questo evento, ritrovandosi sconvolta di fronte alla perdita del feto. Al dolore si aggiunge quindi l’incredulità: è possibile cogliere dei sintomi che siano campanelli di allarme? È possibile leggere in certi segni che il corpo ci invia delle avvisaglie dell’imminente aborto spontaneo? Quel test di gravidanza, quel test su cui magari si era riposta tanta fiducia, quel test che, diventando positivo era magari apparso come il coronamento di una gravidanza tanto voluta, improvvisamente diventa negativo: ma l’aborto spontaneo avviene davvero in modo così improvviso o è possibile interpretare certi sintomi come sintomi di allarme?

Il nostro corpo ci parla: quali sono i possibili sintomi precoci di un aborto?
Quando un sintomo potrebbe essere un segnale inviatoci dal nostro corpo per avvisarci del rischio di un aborto spontaneo?
  • dolori simili a quelli mestruali ossia crampi al basso ventre e mal di schiena (tutti dolori che in genere in caso di aborto spontaneo sono più intensi delle classiche algie del periodo mestruale)
  • perdite di sangue: per cogliere precocemente i segni di un possibile aborto spontaneo bisogna prestare particolare soprattutto alle perdite ematiche piuttosto abbondanti e con presenza di evidenti coaguli.

Forti perdite ematiche? È possibile un aborto spontaneo completo
Nel caso di aborto spontaneo completo, ossia di quell’aborto in cui si ha l’espulsione totale dell’embrione e della placenta, si ha in genere un episodio emorragico con dolori intensi a livello del basso ventre e della regione lombosacrale. Un sanguinamento abbondante, soprattutto se avvenuto fino alla 5-7 settimana di gravidanza, può essere ricondotto ad un aborto spontaneo completo.

Sangue e contrazioni? Attenzione all’aborto spontaneo incompleto
Nel caso invece di aborto spontaneo incompleto (ossia di quel tipo di aborto che costituisce la maggioranza dei casi) i sintomi di allarme sono sempre legati a perdite ematiche associate a contrazioni uterine legate al tentativo, dell’organismo della donna, di espellere in maniera spontanea il materiale abortivo.

Quando l’assenza di sintomi è un sintomo: l’urlo muto dell’aborto ritenuto
L’aborto interno (o aborto ritenuto) è, probabilmente, l’aborto più subdolo per quanto riguarda i sintomi: solitamente, difatti, l’arresto della evoluzione della gravidanza, ossia la morte del feto, non porta a sintomi chiari. I segni di un aborto interno più che dalla comparsa di segnali d’allarme sono caratterizzati dalla scomparsa di tutto quel complesso di fattori che fino a quel momento erano stati chiaro sintomo di gravidanza. A dare il vero allarme in caso di aborto ritenuto non è quindi la comparsa di un qualche sintomo specifico, quanto la scomparsa di tutti quei segni che si era imparato a considerare essere segnali caratteristici dello stato gestazionale. Da un punto di vista strettamente empirico si vedono innanzitutto sparire i classici sintomi di una donna gravida: le nausee non sono più presenti, non si percepisce più la tensione al seno, tutti quei fastidi che avevano caratterizzato fino a quel momento lo stato fisico della donna in stato interessante cessano. Tuttavia è bene ricordare che i sintomi di una gravidanza sono estremamente soggettivi e variano quindi molto da persona a persona: ad esempio una donna potrebbe anche avere naturalmente delle nausee molto scarse e dunque una scomparsa delle nausee non sarebbe un elemento così facile da notare. Quando l’aborto avviene così “in silenzio” la prima avvisaglia può quindi essere data dalla diminuzione improvvisa dei segni di una gravidanza in atto ma a dare la triste certezza sarà l’assenza di battito cardiaco fetale, evidenziata tramite l’ecografia.

Paura di un aborto spontaneo? Si alla prudenza, no agli allarmismi!
La parola d’ordine, nel caso in cui si abbia una gravidanza in corso, è dunque prudenza, naturalmente, e soprattutto attenzione al cogliere ogni segnale, ma è anche importante evitare gli allarmismi: se la sintomatologia caratteristica dell’aborto spontaneo è infatti la presenza di contrazioni uterine e perdite ematiche è anche vero che questi sintomi non necessariamente sono segno di interruzione della gravidanza e che, di contro, una patologia abortiva può rimanere silente sino ad un controllo più approfondito.
  • Non essere precipitosi. Non bisogna avere fretta di imputare delle perdite di sangue ad un aborto: perdite di sangue leggere e dunque senza abbondanza di flusso né coaguli e possibilmente intermittenti e discontinue possono difatti rientrare nella fisiologia della gravidanza e non indicare quindi il rischio di un aborto spontaneo. La più grande difficoltà nell’individuare dei segnali precoci di un aborto spontaneo risiede dunque nel fatto che spesso gli stessi sintomi che possono destare preoccupazione potrebbero anche non essere indice di un vero aborto.
  • Non essere, però, neppure superficiali. Sicuramente una donna in gravidanza farebbe bene a non sottovalutare nessun sintomo soprattutto sintomi che riguardano crampi e perdite ematiche dato che spesso anche da una sola visita di controllo si possono trarre informazioni fondamentale: ad esempio in presenza di una perdita di sangue, infatti, l’osservazione con lo speculum vaginale permette di accertare la provenienza del sangue della cavità uterina ( se il sangue proviene effettivamente dalla cavità uterina è un sintomo da mettere in relazione ad una possibile patologia abortiva.)
Mo è offline   Rispondi Con Citazione
Vecchio 02-19-2013, 10:35 AM  
Non Registrato
Guest
 
Messaggi: n/a
Red face Re: Aborto spontaneo: i sintomi di allarme

Io ho avuto un anno fa un aborto interno...ho letto vari blog e varie pagine su internet, ma, a mio avviso, questa è la definizione che più si addice: l'urlo muto!
Solo chi ci è passato può capire cosa si prova ad andare dal ginecologo per un normale controllo e sentirsi dire: mi dispiace non c'è più battito.
  Rispondi Con Citazione
Vecchio 12-15-2013, 07:12 PM  
Sara74
Guest
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: Aborto spontaneo: i sintomi di allarme

Il 26 novembre è successo anche a me, prima eco andata benissimo seconda alla 11 settimana niente battito. Ho scelto di fare il raschiamento il giorno dopo, il giorno successivo sono tornata al lavoro; ho riscoperto quanto sia importante fare un lavoro che ti piace quando stai male. Il mio bimbo ha smesso di vivere alla sesta/settima settimana dopo solo qualche giorno dalla mia prima ecografia perfetta. Perfetta la prima morto la seconda. Succede mi ha detto tutti i ginecologi, è normale soprattutto a 39 anni. Oggi sto meglio ma va a tratti aspetto il ritorno del ciclo come una manna dal cielo, come ritorno del mio corpo alla normalità . L'ho amato dal primo giorno un cui ho saputo di essere incinta, so che non era un bimbo ma un embrione che ha cercato di vivere ma non c'è riuscito, ma l'ho amato come fosse il mio bimbo da subito. Mi manca...molto e mi sento vuota come non mi era mai successo.
  Rispondi Con Citazione
Vecchio 01-31-2014, 03:46 PM  
Non Registrato
Guest
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: Aborto spontaneo: i sintomi di allarme

Auguro a tutte di poter avere la gioia di fare dei figli avete ragione a dire che vi sentite vuote.
  Rispondi Con Citazione
Vecchio 11-25-2014, 11:06 AM  
Non Registrato
Guest
 
Messaggi: n/a
Unhappy Re: Aborto spontaneo: i sintomi di allarme

le tue parole mi hanno profondamente colpito...io sto vivendo questo dramma e non è facile perché stai giu' dal lato psicologico...ma la vita va avanti e dobbiamo pensare positivo....
  Rispondi Con Citazione
Vecchio 12-11-2014, 11:48 PM  
Non Registrato
Guest
 
Messaggi: n/a
Unhappy Re: Aborto spontaneo: i sintomi di allarme

Io ho 39 anni, nel dicembre2012 ho subito un raschiamento,,da allora non sono più riuscita restare in cinta fino a ora ma ho perso anche questo
Un aborto spontaneo...mi sento persa vuota sola, questa perdita ,sono distrutta
  Rispondi Con Citazione
Rispondi
Strumenti Discussione Ricerca in Questa Discussione
Ricerca in Questa Discussione:

Ricerca Avanzata
Modalità Visualizzazione



Tutti gli orari sono GMT. Adesso sono le 09:21 PM. Design By: Miner Skinz.com
English Pregnancy Forum: Pregnancy Forum
Powered by vBulletin® Version 3.8.6
Copyright ©2000 - 2018, Jelsoft Enterprises Ltd.
Search Engine Optimization by vBSEO 3.6.0